Menu Home

Domani – Articolo 31

2_-_J_Ax

Contenuto nell’album “Così com’è” del 1996, “Domani” è un brano “anomalo” rispetto al repertorio proposto usualmente dai milanesi Articolo 31, e forse proprio per questo ha ottenuto un successo tanto clamoroso.

La situazione descritta è di immediata immedesimazione per l’ex pubblico adolescente di J Ax: c’è un lui che, in un momento qualsiasi, senza un vero e proprio motivo scivola lungo il fiume dei ricordi, e si lascia trasportare senza opporre troppa resistenza in un percorso all’indietro che lo porta a rivivere, attraverso il filtro del tempo, un amore passato.

Il rapper ripercorre le tappe salienti di una storia d’amore finita, rievocandone senza drammi ma con una punta di nostalgia alcuni dei momenti più significativi.
Seppure il tempo ha fatto il suo corso lasciando intatti solo i ricordi belli, rimane quel senso di malinconia per qualcosa di perso, qualcosa che era e adesso non è più.

In questo viaggio mentale a ritroso J Ax ritrova la donna amata e perduta, i suoi piccoli difetti, i tanti momenti di intimità condivisa e una quotidianità fatta di frammenti che s conservano indelebili nella memoria.

L’immagine di lei è “fatta per guardarla e non voglio rovinarla”: non totalmente realistica quindi, ma idealizzata e perfezionata dal trascorrere del tempo, che lava via i difetti e sfuma i contorni, rendendoli più affascinanti. La sensuale voce femminile cha impreziosisce il brano è quella di Paola Folli, oggi un’affermata vocal coach.

Il ricordo di lei è ormai metabolizzato, quindi non crea scompensi emotivi o drammi interiori, resta un’ombra impalpabile eppure costantemente presente, un pensiero dolcemente ricorrente, del quale l’interprete, in fondo, non vuole disfarsi del tutto.

Perché se è vero che non ci si può lasciare condizionare dalle inutili zavorre del passato, è pur vero che dei ricordi non si può proprio fare a meno perché sono loro che ci accompagnano verso il futuro, tenendoci compagnia nel presente.

Categories: Hip pop Musica Recensioni

Tagged as:

matteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.