Menu Home

L’avvelenata – Francesco Guccini

L’avvelenata, famoso pezzo di Francesco Guccini, è uscita nel 1976 all’interno dell’album “via Paolo Fabbri 43”. Il noto cantautore italiano l’ha scritto per difendere la sua professione, nonostante abbia dei dubbi a riguardo. Cerca di sconfiggere difficoltà e critiche. Il brano è tutto un ricordo, un rivedere le sue scelte di vita.

E alla domanda: se potessi tornare indietro, con i risultati ottenuti, scriveresti di nuovo? E Guccini risponde no, con ironia. Come a prendere in giro chi gli ha fatto una domanda a cui si può dare solo una risposta affermativa.

“Giovane e ingenuo io ho perso la testa, sian stati i libri o il mio provincialismo. E un cazzo in culo e accuse di arrivismo, dubbi di qualunquismo, sono quello che mi resta.” Guccini spiega che cosa è stato a spingerlo a fare il cantante, in poche parole la stupidità. Poi i critici lo accusano di arrivismo e qualunquismo.

Ma lui risponde: “voi critici, voi personaggi austeri, militanti severi, chiedo scusa a vossia. Però non ho mai detto che a canzoni si fan rivoluzioni, si possa far poesia. Io canto quando posso, come posso, quando ne ho voglia senza applausi o fischi. Vendere o no non passa tra i miei rischi, non comprate i miei dischi e sputatemi addosso”. E ancora: “secondo voi ma a me cosa mi frega di assumermi la bega di star quassù a cantare, godo molto di più nell’ubriacarmi oppure a masturbarmi o al limite a scopare… se son d’umore nero allora scrivo frugando dentro alle nostre miserie, di solito ho da far cose più serie, costruire su macerie o mantenermi vivo… “ cioè per il cantautore i piaceri sono altri, i più carnali, scrivere fa solo passare la noia.

“colleghi cantautori, eletta schiera, che si vende alla sera per un po’ di milioni, voi che siete capaci fate bene a aver le tasche piene e non solo i coglioni… che cosa posso dirvi? Andate e fate, tanto ci sarà sempre lo sapete un musico fallito, un pio, un teorete, un Bertoncelli o un prete a sparar cazzate!” Guccini accusa gli altri cantautori di voler solo guadagnare, però gli esorta anche a continuare a cantare per andar contro insieme agli avversari.

[youtube]nzTtz_0dX0k[/youtube]

Categories: Musica Pop Recensioni

Tagged as:

matteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.