Menu Home

La tua libertà – Francesco Guccini

La canzone parla di un uomo che crede fermamente nel fatto che tutti devono cercare la propria libertà. Andare oltre le regole imposte dalla società e controcorrente, se vuoi puoi farlo.

Oltre la città e le sue regole c’è un altro posto che ha regole e abitudini diverse. Questi spazi sono fatti apposta per fuggire da chi vuole imprigionarci e per trovare la propria libertà (oltre le mura delle città, un orizzonte insegue un orizzonte; a un’autostrada, un’altra seguirà. Gli spazi sono fatti per andare; la tua libertà, se vuoi, la puoi trovare).

La società è fatta di regole che sono giuste e indispensabili. Ma ci tengono prigionieri e ci impediscono di trovare la nostra libertà. Però questa la puoi comunque trovare fuggendo dalla società (e un uomo saggio regole farà, una prigione fatta di parole; i carceri di una società ti impediranno di cercare il sole. La tua libertà, se vuoi, la puoi avere).

Il protagonista sogna di essere totalmente libero, come un uccello che fluttua nell’aria senza avere chi gli dice cosa fare e cosa no. Come un fiume lasciato scorrere libero, lui romperebbe le regole (fossi un uccello alto nel cielo potrei volare senza aver padroni; se fossi un fiume potrei andare rompendo gli argini nelle mie alluvioni).

La tecnologia e il cemento ci hanno intrappolati, sotterrando i prati e i boschi dove facilmente ci si poteva sentire liberi. Non trova più le persone di un tempo, che vanno controcorrente ed esortano anche gli altri a farlo (e boschi e boschi cerco attorno a me, dov’è la terra che non ha barriere? Dov’è quel vento che ci spingerà, come le vele o come le bandiere. La tua libertà se vuoi, la puoi avere).

Il protagonista vorrebbe essere totalmente libero ma ammette che non è per niente facile. Significherebbe lasciare la sua vita attuale e intraprenderne una nuova. Inoltre, la sua ricerca, può essere breve ma anche molto lunga con il rischio di non trovare mai una libertà totale. Ma vale comunque la pena cercarla (ma sono un uomo, uno fra milioni, e come gli altri ho il peso della vita. E la mia strada lungo le stagioni può essere breve, ma può essere infinita. La tua libertà cercala, che si è smarrita. Cercala, che si è smarrita).

[youtube]I53PVP1hNO8[/youtube]

Categories: Musica Pop Recensioni

Tagged as:

matteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.