Menu Home

Un altro ballo – Gemelli Diversi

un altro ballo

“Un altro ballo” è un famoso pezzo dei noti Gemelli Diversi.
La canzone è dedicata a una donna sexy che il protagonista ha incontrato per la prima volta probabilmente in discoteca.

Quando l’ha vista non si aspettava di trovarla li dentro, ha avuto un aiuto dal destino che gliel’ha portata li e gli ha dato la possibilità di provarci (non ti aspettavo stasera, questa volta è la sorte che gioca le sue carte per me).

La guarda ballare in modo sensuale e provocante, guardando e decifrando il linguaggio del suo corpo. Cerca di convincerla che la ama ma in realtà non è amore, è solo attrazione fisica (e da quando è arrivata credimi mi piace guardare quanto sei sexy, mentre muovi a tempo i tuoi fianchi e parli con gli occhi. Senti, si tratta gia di sentimenti).

E allora va a presentarsi perché non può farsi sfuggire una cosi ghiotta possibilità di averla. La seduce ma con termini da una botta e via, non da chi vuole una storia seria, puntando sul suo aspetto fisico e su che effetto ha su di lui. Vuole ballare con lei perché è il solo modo di poter avere una possibilità di averla nel suo letto, dicendole che poi non devono farlo per forza (sai non resisto lascia che mi presenti, non vorrei sembrare banale o maleducato, c’è che mi hai fleshato col tuo sex-appeal innato. Chiedo soltanto un altro ballo con te, poi sarà ciò che sarà il destino a scegliere).

Per ballo lui intende sesso, infatti afferma che saranno soli e completamente inebriati dalla realizzazione di un sogno (vorrei un altro ballo con te baby, saremo solo io e te in balia di un sogno. Sfiorandoci e danzando fino a non poterne più, non fermarti e io non smetterò mai). Però la serata finisce e lei va via. Ma lui vuole un ultimo ballo con lei perché gli darebbe la sensazione di averla per sempre (ma la notte passa in fretta e con se ti porta via, dammi solo un altro ballo e potrò sentirti mia).

Ma non è l ballo in se a volere. Poi vuole andare oltre, vuole passare tutta la notte con lei accanto per poi il domani sentire ancora il suo odore. Ma solo quello, lei deve sparire con la fine della serata (fino all’ultimo giro, per poi domani svegliarmi al mattino col tuo profumo divino ancora sul mio cuscino. Sai non c’è molto da dire, l’istinto parla da se, se chiama stallo a sentire fidati di me baby…).

Categories: Hip pop Musica Pop Recensioni

Tagged as:

matteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.