Menu Home

Vienna, Vienna di Daniele Luttazzi

vienna vienna

Non avete letto male. Non si tratta di un’omonimia. E’ proprio l’irriverente comico con la passione per il canto. Infatti, come ha dichiarato più volte in diverse interviste e in alcuni spettacoli teatrali come Adenoidi, ha sempre desiderato incidere un disco dove lui è il cantante.

Fortunatamente c’è riuscito. Non ha una voce particolarmente speciale, ma è sicuramente intonato e capace. Ha senza dubbio qualche problema con la pronuncia inglese, ma può vantare un’abilità linguistica di molto superiore al Berlusconi e a Vespa!

Scherzi a parte, questo brano vorrebbe ispirarsi ad una tradizione musicale statunitense degli anni ’40 e ’50. Luttazzi non ha proprio una voce neppur lontanamente simile a Frank Sinatra, che tanto stima e apprezza, però con il suo timbro nasale e vagamente acuto si lancia in una performance senza pari.

Non sono sicuro se il più volte cacciato comico abbia già realizzato una tourneè. Per certo so che gli piacerebbe molto e chissà che, cause legali e programmazione teatrale permettendo, non riesca a portare a compimento anche questo suo successo.

Di sicuro il valore di questo brano non è nel testo, né nelle musiche, né tantomeno delle capacità del cantante o del gruppo, bravissimo senza alcun dubbio ma puramente scolastico. Come spesso accade anche in altri frangenti, l’interesse che mi ha suscitato questa canzone è la personalità e il carisma di chi ha ostinatamente portato avanti un progetto in cui credeva.

Inoltre, penso che Luttazzi abbia dimostrato una capacità superiore a molti debuttanti che spesso vengono osannati come le nuove voci della musica italiana. Per questo motivo, applaudo all’iniziativa del comico satirico trasformatosi in cantante per una volta e speriamo di avere in futuro altre sue performance, magari non necessariamente canore!

Categories: Musica Pop Recensioni

Tagged as:

matteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.