Menu Home

Sally – Vasco Rossi

Sally, famoso pezzo di Vasco Rossi, è uscito nel 1996 all’interno dell’album “nessun pericolo per te”. “E si potevano mangiare anche le fragole”. Sally, la protagonista, è una drogata che è costretta a prostituirsi per poter comprare le dosi. Un po’ rappresenta il cantante da questo punto di vista, ma non è lui. Vasco è un drogato, su questo non ci sono dubbi, ma lui ha una vita decente e si è a suo modo realizzato nella vita. Sally invece no.

“Sally cammina per la strada senza nemmeno… guardare per terra. Sally è una donna che non ha più voglia di fare la guerra”. Sally, da giovane, aveva cercato di ribellarsi, di guarire dalla sua tossicodipendenza. Aveva fatto una guerra personale contro di essa. Ma adesso che è cresciuta ci ha rinunciato, non lotta più. Davanti a se vede la sua vita ma è come se non vedesse niente perché lei, nella sua esistenza, non ha realizzato niente.

Nel secondo verso, la ragazza è ormai donna e si rende conto di non avere più quella curiosità tipica dei bambini. Non è più amata da nessuno perché ormai l’amore si è trasformato in un lavoro, in una professione. Adesso è costretta, come chiunque crescendo, a prendersi delle responsabilità, a lavorare, a riuscire a sopravvivere con le sue sole forze. Ora anche la droga ha un sapore diverso. Da giovane era molto più buona perché la gustava in pace, adesso invece ha mille preoccupazioni. Così si sente in colpa per non aver combattuto da giovane, quando ancora poteva guarire e diventare qualcuno, realizzare i suoi sogni, farsi una famiglia ecc…

Poi però arriva la sera, si prepara per lavorare mentre tutti vanno a casa dalla propria famiglia, dalla famiglia che lei non ha. Cerca di consolarsi pensando che forse non ha buttato via del tutto la sua vita o che forse era solo destino che finisse così. Non sa nemmeno lei più cosa pensare, ormai prendere tutto come le viene, non lotta nemmeno più.

Quindi la canzone parla di una ragazza, della sua vita e della solitudine che da sempre la accompagna. A mio parere, Vasco con questo pezzo, cerca di convincere i ragazzi a non drogarsi. A non pensare: tanto poi smetto e che sono tutte cavolate quelle che i grandi dicono. La droga rovina la vita se non glielo si impedisce. Ragazzi non drogatevi!!!

cONgkg52mBc

Categories: Musica Recensioni Rock

Tagged as:

matteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.