Menu Home

Mattafix, dall’album “Rhythm and Hymns” : “Angel on my shoulder”

Dopo il loro primo esordio nel 2005 con l’album “Signs Of A Struggle” , i Mattafix hanno confermato il loro talento con il loro secondo disco “Rhythm and Hymns” uscito nel novembre 2007 e registrato tra Londra e il Sud Africa. Il duo inglese, dopo più di un anno passato per il mondo in tour (in circa 30 paesi diversi), ha potuto evolversi e arrivare al nuovo sound presentato in quest’ultimo loro lavoro.

Questo periodo è infatti servito per “rivisitare” la loro musica prendendo ciò che c’era di “positivo” (come afferma il cantante Marlon in un’intervista) nel loro precedente album e perfezionandolo, unendolo ad altri “ritmi e inni” come dice il titolo stesso del disco.

Il risultato è a dir poco entusiasmante, sono riusciti ad unire generi musicali piuttosto diversi l’uno dall’altro, che vanno dall’hip-hop al rap, reggae, dancehall e altri ancora, per creare questo particolarissimo beat che unisce anche diverse culture.

E dopo aver apprezzato i primi brani estratti ,”Living Darfur” (con i cori zulu) che ha lanciato l’album e che documenta la grave crisi umanitaria in corso e “Things Have Changed” track dal ritmo allegro, ecco l’ultimo brano presentato da Marlon Roudette e Preetesh Hirji: “Angel On My Shoulder”.

Il singolo è stato presentato ad ottobre ed è subito entrato nella top 10 delle classifiche europee. Il tema del brano è l’amore la domanda che l’artista pone appunto è “Won’t somebody tell me where is love?”,“Qualcuno mi dirà dov’è l’amore?”, quesito che spesso ci si fa quando si è stati feriti o lasciati da quello che si crede il “grande amore”.

Il ritornello continua poi con la frase “I know it when I see her face, she will soon replace the pain that I’ve uncovered.”, “L’ho capito quando ho visto il suo viso, presto sostituirà il dolore che ho scoperto.”

L’amore è molto importante e non bisogna arrendersi anche se si hanno avuto delusioni, è un messaggio molto chiaro che lancia l’artista, che continua cantando “Where is love? And why does it hurt so much? And will I measure up if I get to hold her? The angel on my shoulder”, “Dov’è l’amore? E perché fa cosi tanto male? E ne sarò all’altezza se arrivo ad averla? L’angelo sulla mia spalla.

Una melodia rilassante con un ritmo reggae accompagna un testo romantico reso ancora più dolce dalla stupenda voce di Marlon Roudette.

Categories: Musica Recensioni

Tagged as:

matteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.