Menu Home

Libera la mente – Giorgia

Dì quello che pensi e vai pure controcorrente, cerca di convincere gli altri delle tue idee. Finché vuoi e lo ritieni giusto (libera la mente, libera la tua corrente che ti porti fino al mare, che si possa finalmente amare).

Non farti condizionare da quello che pensano gli altri, senza odiarli perché non hanno le tue stesse idee. Non aver più paura di far quello che ritieni giusto solo perché gli altri la pensano diversamente (libera la mente dal giudizio della gente senza odio finalmente, senza aver più paura di niente, paura di niente).

Continua ad essere ottimista, a credere che ancora la pace mondiale si può raggiungere. Vai, con la fantasia, dove la pace c’è e fai piovere dove è arido da troppo tempo ormai (libera la mente, rendi libero il presente che ti porti fino a dove non c’è guerra e finalmente piove).

È necessario vedere il vero significato delle parole e a non credere a tutto perché ci si può rimanere male. Bisogna essere di nuovo se stessi, vedendo la realtà per quel che è e non per quello che gli altri ce la vogliono far vedere (bisogna ricominciare a dare senso alle parole e a non cadere in illusioni che ci fanno del male. Bisogna ricominciare ad essere persone e smettere di far finta che va tutto bene).

Interpreta bene quello che ti circonda e non dar retta a chi ti sprona sempre a vincere. Nessuno ci riesce sempre e in tutto. Non dar importanza a chi ti dice che non sei niente (libera la mente dalle false circostanze che ti vogliono vincente, non importa quanto inutilmente. A chi ti dice che non vali niente, a chi produce il sonno della mente, a chi fa giochi di potere senza cuore).

A tutte queste persone rispondi che tu non vuoi essere sempre vincente, ma nemmeno sei un perdente. Digli che non ti sottometterai ai suoi giochi di potere (rispondi che la natura ti chiama, la natura ti chiama).
Quando una persona è abituata ad utilizzare ciascuna parola come un concetto, è perché ha un suo pensiero (quando tu sei abituato a una parola come concetto, hai un pensiero dietro la parola).

Però se poi gli cambiano il significato di una parola, essa per lui perde il concetto e il significato che le aveva associato. E si sente perso perché non ha più armi, parole per difendersi (se mi cambi il significato di quella parola lì mi cambi un concetto, mi cambi il mondo davanti e io rimango senza armi come un ebete).

[youtube]KtUsdlLQ4W8[/youtube]

Categories: Musica Pop Recensioni

Tagged as:

matteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.