Menu Home

Rotta per casa di Dio – 883

rotta_per_casa_di_dio

“Rotta per casa di Dio”, famoso pezzo degli 883, è il quinto e ultimo singolo estratto dall’album “nord sud ovest est”, uscita nel 1993. A chi non è mai capitato di immaginare di andare da qualche parte, ad esempio come in questo caso ad una festa, ma poi per un motivo o per un altro non averlo fatto (malattia, impegno improvviso o quant’altro)? Penso sia capitato a tutti almeno una volta. A me ad esempio questo carnevale: avevo programmato tutto, ma poi mi sono ammalata.

I ragazzi della canzone, invece, stanno andando ad una festa già con l’idea di rimorchiare qualche bella ragazza con i tacchi alti e la gonna corta, ed invece si sono ritrovati a bere birra in un autogrill. La vita è davvero imprevedibile!!!

All’inizio tutti incazzati: si erano programmati una bella serata con le tipe e invece niente. E chi non lo sarebbe stato. Ma poi si divertono di più da soli loro quattro, seduti in un autogrill, a bere birra e a sparar cazzate come un tempo.

Ed allora cosa ci insegna questa canzone? Dopo averci ragionato un po’ su sono giunta ad una conclusione; e cioè che i maschietti spesso non ragionano con la testa ma con un’altra parte del corpo.

Infatti, perché devono sempre andare in giro a rimorchiare tipe, sempre per lo stesso scopo? Che gusto ci provano? Dopo un po’, come tutto del resto, non stanca? Non si stufano mai?

I ragazzi della canzone erano partiti con l’idea di rimorchiare e di passar la serata/nottata con una ragazza che poi probabilmente non avrebbero mai più rivisto. Ma che gusto c’è? Dura il tutto massimo dieci minuti e poi?

Non è meglio passare una serata con gli amici e divertirsi? I protagonisti del pezzo degli 883 sembrano averlo capito, grazie all’essersi persi.

E voi ragazze, ma lo stesso vale per i ragazzi, non pretendete che il vostro partner stia tutto il tempo con voi. Lasciatelo respirare. Fategli passare una bella serata con gli amici a divertirsi come faceva un tempo, vedrete che poi tornerà da voi più contento di prima.

Categories: Musica Recensioni Rock

Tagged as:

matteo

1 reply

  1. “Dura il tutto massimo dieci minuti e poi?” -> ma che ragazzi fequenti?? se ti va ci andiamo a prendere una birra e ti dimostro che si può fare di meglio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.