Menu Home

Metro station: l’ennesima band da liceali

metro_station

Erano gli anni 90 e sembrava che ogni giorno discografici lungimiranti si impegnassero a sfornare boyband per ingraziarsi orde di ragazzine adolescenti che non aspettavano altro che nuovi idoli da venerare.

Ora gli anni 90 se ne sono andati, portando via con sé i vari Take That, Backstreet Boys, Boyzone e tutte le altre boyband di quegli anni che ora accennano giusto qualche concerto e album di ritorno, sfoggiando una nuova immagine più elegante e consona alla loro età.

Ormai sono gli anni 2000, ed è venuto il tempo di tutta una serie di band che nonostante cerchino di negare la loro appartenenza al fenomeno boyband, con look trasgressivo, borchie, musica pseudo-rock e testi che poco hanno a vedere con quelli smielati dei loro predecessori, in realtà altri non sono che le boyband di questo nuovo millennio.

Negli ultimi anni si è potuto assistere alla crescita esponenziale di queste band, idolatrate esclusivamente da ragazzine che vanno dai 12 ai 16 anni nella maggior parte dei casi e che come le loro sorelle maggiori negli anni 90 altro non sono se non vittime delle case discografiche che continuano a trovare in questa fascia di mercato il modo più facile di fare soldi.

Una delle ultime band di questo tipo sono i Metro Station, o meglio un’accozzaglia di parenti e comparse della celeberrima serie televisiva per teenagers Hannah Montana. Come quasi tutte queste band, anche i Metro Station sono balzati in cima alle classifiche grazie alla visibilità concessa loro da siti come Myspace, e da trasmissioni quali Total Request Live dsu MTV e canali affini.

Ascoltando il loro album ci si rende conto che è stato proprio confezionato su misura per le ragazzine che li venerano. I testi sono a dir poco scontati e banali, la musica si ripete pressoché identica e assordante in ogni traccia, e l’aspetto dei componenti del gruppo non è altro se non una maschera da rockettari incalliti con tanto di tatuaggi e piercing, ma che in realtà il rock non sanno nemmeno cosa sia. Si può solo sperare che come accade a tutti questi gruppi, uno la fotocopia dell’altro, anche i Metro Station spariscano presto nel dimenticatoio…anche se purtroppo questo avverrà solo per essere rimpiazzati da un loro nuovo clone.

Categories: Musica Recensioni

Tagged as:

matteo

2 replies

  1. Innanzitutto non sono band da liceali perchè pure a mia mamma piacciono.
    vabè rientrerò nella fascia d’età che hai scritto però se li ascolti ti rendi conto che fanno musica veramente stupenda.
    e se non ti piacciono vabè.. ci sono sempre io a a sostenerli!!
    I’m their fan!!

    P.s votate Seventeen Forever dei Metro Station su Trl:
    – http://extra.mtv.it/trl/vota.asp

  2. Sono totalmente d’accordo con te!!! Neanche a mia madre piacciono i Metro Station

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.