Menu Home

The Bastard Sons of Dioniso – L’amor carnale

the-bastard-sons-of-dionisio-lamor-carnale-img

Classificati al secondo posto del celebre talent show “X-Factor” i Bastard Sons of Dioniso si propongono come una delle sorprese discografiche italiane del 2009.
Il singolo che li ha fatti conoscere è “L’amor carnale” traduzione di un loro brano dal titolo “Zwang song” in lingua inglese.

Insolito trovare un gruppo rock partecipare ad un talent show, invece meno insolito che chi arriva secondo a “X-Factor” abbia più successo del primo classificato, come è successo l’anno scorso con Giusy Ferreri.

La canzone di un rock che mancava da tanto alle orecchie del grande pubblico è stata composta dai tre componenti della band ed è caratterizzata dalle armonizzazioni vocali che ne fanno il punto forte, ma danno anche un aria di vecchio al brano.

Ammirevole l’impegno per la riuscita delle armonizzazioni e anche per la linea vocale alcune volte dissonante quanto basta, finalmente ad un talent show c’è qualcuno con personalità che non imita i soliti cantanti affermati.

Il brano si ispira al rock-indie ed è molto energico nonostante siano solo 3 componenti. Basso chitarra e batteria, tutti e tre cantanti tra i quali sarebbe ingiusto trovarne uno principale.

Se non fosse per “X-Factor” sarebbero ancora a galleggiare nell’underground o avere un po’ di successo tra gli amanti del genere.

Però passando dalla televisione hanno raggiunto il successo e gli ottusi amanti del genere, li daranno venduti al sistema, mentre chi li stima molto probabilmente sarà molto più attratto dai personaggi che dalla loro musica.

Rispetto al marasma di gruppi di giovani capelloni come Finley, Lost e Dari sono un gruppo da tenere sott’occhio che potrebbe portare un’aria di novità e di musica “sana” non elogio della banalità come con i gruppi precedentemente elencati.

Categories: Musica Recensioni Rock

Tagged as:

matteo

1 reply

  1. siete miticiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.