Menu Home

Tre paperelle

tre-paperelle

“Tre paperelle” è un famoso, e per certi versi divertente, pezzo dei J.ax.
La canzone parla di alcune persone che sono trascinate da cattive compagnie. O che si sono trasferite nei sobborghi di una città.

Parla di come si è influenzabili da giovani, solo cambiando città e/o amicizie. Le persone e le situazioni che ci circondano ci cambiano e ci formano. Ed in base a queste ci si costruisce il futuro (e che credi che qui giochiamo, noi qui cresciamo).

Ci sono giovani per bene che vengono sviati (c’era sta tipa veniva dal nord-est e i primi tempi andava a letto alle sette, chiamava a casa dal call-center, ora stringe le tette sotto mezze magliette strette).

C’è chi si aspetta di trovare una cosa, ma poi si accorge che quello che gli hanno mostrato è solo una facciata della città (a casa sua si prendeva un televisore, raccontava di un paese allegro e ciaciarone. Poi è venuta qui ed ha visto la bugia, la perversione che c’è dietro sta scenografia).

E poi c’è chi ci ha sempre vissuto, che è la cosa peggiore in quanto non sanno com’è la vita “giusta”. Chi pensa che la vita che sta vivendo è l’unica esistente (suo figlio si confonde, ha troppi papà. La sottile linea sporca tra marca e marchetta, di un paese che di notte la cerca e di giorno l’arresta).

E ancora chi è nato in un buon quartiere, in una famiglia per bene, ma si è perso a causa dei modelli che la tv ci propone (c’era sta tipa abitava in Brianza, guardava sex and the city e si credeva Samantha. Ma in paese le mamme hanno santini e croci appese, ed il prete non permette minigonne nelle chiese. Lei si cambia in auto cambia città, se la vede papà che male le fa).

C’è chi non vorrebbe ma viene trascinato, ma mantiene la propria ideologia (un’amica trasferita all’università e mdma l’hanno convinta a fare l’ammucchiata. Appena ripresa piangeva mentre correva a casa, quelli dell’ambulanza l’han raccolta con la pala).

Allora ragazzi state attenti, molte cose e situazioni vi possono portare sulla cattiva strada.

Categories: Hip pop Musica Pop Recensioni

Tagged as:

matteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.