Menu Home

L’uomo sogna di volare – Negrita

luomo-sogna-di-volare

“L’uomo sogna di volare” è un famoso pezzo dei Negrita.
La canzone parla di una cosa vera, che succede a tutti. Infatti non è tanto il volare in se che uno desidera, ma il fatto di buttarsi tutto alle spalle. Eh si, perché con il volo una persona va via, quasi scappa per un momento. Ed è qualcosa che tutti vorremmo poter fare.

Tutti sognano di volare, ricchi e poveri (l’uomo sogna di volare, che si trovi su un aereo o n un grande appartamento, sui gradini di una Chiesa, nella favela di Candela). Vuole vedere il mondo dall’alto, senza esserci dentro, e poi non riatterrare dove vive ma in un posto più bello, quello desiderato (guardare dall’alto, planare sul mare).

L’uomo è ipocrita. Prima proclama l’uguaglianza, punisce i razzisti, dice che tutti sono uguali di fronte alla legge senza distinzioni di sesso, razza, religione ecc… poi però prende in giro i diversamente abili, se la prende con i più deboli, si allontana se vede un marocchino. E spera di non essere mai quel marocchino, quel diversamente abile, quel povero. Di non vivere mai la sua vita (e scrive sui muri: noi siamo tutti uguali. Ma prega nel buio: la sorte del più debole… non tocchi mai a me).

Molte persone fanno finta di non vedere perché non vogliono farlo, per paura o semplicemente per egoismo. Preferiscono ignorare e andare avanti per la loro vita perché tanto loro non hanno colpa se quello è povero o diversamente abile. Ed è vero, non è colpa sua. Ma nemmeno del povero o del minorato mentale. Ma è più facile continuare con la propria vita e guardare avanti, senza aiutare, liberandoci dai sensi di colpa dicendo che non è colpa nostra (come diventa facile voltarsi e non guardare, come diventa facile pensare non è colpa mia).

Però vorrebbero cambiare, aiutare queste persone. Ma se non fai una cosa per tanto tempo, c’è il rischio che ti dimentichi come si faceva (l’uomo ha voglia di cambiare ma non sa più come fare). Quindi per un attimo è tornato indietro, ha finito il suo volo. Ma è subito ripartito (e allora… partenza decollo non c’è nessun controllo, di scatto riparto). E l’uomo si vergogna di questo (ma tutto quello che può dire veramente un uomo è… non fate come me)

Categories: Hip pop Musica Pop Recensioni

Tagged as:

matteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.